mo’ sto bbene

La carne liquida, i neri profondi come l’abisso, i bianchi allucinati. Accattone cammina tra le macerie di Roma, si lascia vivere, quando ride sembra che pianga e se piange sembra che rida. Sogna il suo funerale, poi ruba una motocicletta, cade. Mo’ sto bbene, dice prima di morire. Non amo particolarmente P.P.P., ma Accattone è un capolavoro, e dalla versione restaurata uscita in dvd poco più di un anno fa, l’immagine e le musiche di Bach escono in maniera potente. Un bel modo di passare la domenica pomeriggio, quando si litiga con la fidanzata, e si vorrebbe quasi (quasi!) morire.

Annunci

0 Responses to “mo’ sto bbene”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: