La vita è perfetta

Quando ero piccolo, e almeno fino ai quindici anni, andavo a giocare a pallone tutti i giorni. Un vero patito. Il campetto della parrocchia era teatro di epiche partite che cominciavano alle due del pomeriggio e andavano avanti almeno fino alle sei. Quando ero piccolo il pensiero più triste era considerare che a un certo punto non avrei più giocato a pallone, perché sai, sarei diventato grande, ci sarebbero stati gli impegni, il lavoro, tutte quelle balle lì. Allora avevo stabilito che la mia carriera sarebbe terminata a quarant’anni. Quarant’anni mi sembrava l’eta giusta per appendere le scarpe al chiodo. In realtà attorno ai vent’anni di giocare a pallone non me ne fregava più niente e quindi rinunciare al calcio è stato piuttosto indolore. A vent’anni avevo capito che meglio di giocare a pallone era innamorarsi e fare l’amore con l’oggetto dei tuoi desideri. Poi, a ventuno, realizzai che fare l’amore anche con una ragazza che non era esattamente l’oggetto dei tuoi desideri andava abbastanza bene lo stesso, e mi veniva una malinconia tremenda a pensare che a un certo punto avrei dovuto smetterla con il sesso. Settantacinque anni. Avevo stabilito che settantacinque anni era l’eta giusta per l’ultimo hurrà. Ora potrei dire che con il sesso l’ho smessa moooolto prima dei settantacinque anni, ma non è questo il punto. Il punto è che tutte le cose belle, le cose per cui ti sembra valga la pena vivere, le cose che magari hai paura di perdere, cominciano a non essere più importanti molto prima di averle perdute e, in generale, la vita, quanto stai arrivando alla mezza età, come me, inizia a farti tanto di quello schifo, che di rinunciare a un mucchio di cose, quasi a tutte, direi, non te ne frega più un cazzo. Credo che questo meccanismo, che alla fine ti libera anche dalla paura di morire, renda la vita perfetta.

Advertisements

4 Responses to “La vita è perfetta”


  1. 1 eclissi 1999 maggio 15, 2008 alle 9:38 am

    alaproclate amoxapine citalopram clomipramine duloxetine femoxetine
    fluoxetine fluvoxamine indalpine milnacipran paroxetine sertraline
    trazodone venlafaxine zimeldine

    p.s la vita non finisce nella perfezione finisce punto

  2. 2 eclissi 1999 maggio 15, 2008 alle 9:57 am

    alaproclate
    amoxapine
    citalopram
    clomipramine
    duloxetine
    femoxetine
    fluoxetine
    fluvoxamine
    indalpine
    milnacipran
    paroxetine
    sertraline
    trazodone
    venlafaxine
    zimeldine

  3. 3 RR maggio 16, 2008 alle 3:28 pm

    Ciao Angelo! Qualcuno ha commentato il tuo racconto sul nostro blog… vieni un po’ a vedere!
    http://roundrobineditrice.wordpress.com/2008/05/12/giunte-le-nozze-dellagnello/

    un abbraccio da via malaga

  4. 4 Rudy maggio 19, 2008 alle 6:07 pm

    Ciao, mi chiamo Rudy e seguo un progetto che si chiama Blogolandia (http://blogolandia.it). Ho letto il tuo blog e lo trovo interessante così ho pensato di contattarti. Vorrei farti una proposta riguardo un urban blog; se ne hai voglia scrivimi a questo indirizzo: rudy.bandiera[at]blogolandia.it
    Grazie.
    Chiedo scusa a tutti per essere off topic e se mi sono intromesso nei commenti, ma non ho trovato nessun indirizzo eMail.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: