Che freddo che fa, nella città spettrale,

nel periodo che precede il Natale,

non incontro nessuno per la strada,

ma che freddo, il mare è un osso buco,

e che silenzio mentre mi stringo

nella mia carcassa, con i lampioni

spenti, con un inizio di pioggia,

nel mezzo del cammino mi domando

se era proprio questo il pensiero

che aspettavo, e il sentimento del mondo,

mi domando se era proprio questo oppure

no, non osavo sperare, non volevo

questa vita, questa palla al piede micidiale.

Annunci

0 Responses to “…”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...




DoveConviene

Post più letti

è quel che dico anch’io…

O. su fatti delle domande, datti del…
Tullio Greco su Il Grande Blek
musica rock su fatti delle domande, datti del…
Anonimo su editori
tito su facebook
presenziatore alle p… su facebook
consulente telefonic… su il principe di persia
tito su il principe di persia
Anonimo su il principe di persia
Anonimo su editori

Chi c'è

  • 46,325 passanti non identificati

Wikio

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: