Vi ammannisco un merdoso sonetto

Questo tragitto tendente al contrario
che, come vedi, posso organizzare
seguendo i tratti di un disegno arioso,
lascia dietro di sé, per questo mare
poco importante (ma non secondario),
tutti gli ingorghi a giungla da esplorare
del nostro sogno vano e millenario.
E a queste attese da pianificare
affido nuovi centri di esistenza:
mi cullo, mi modello, mi autonasco
nel nucleo stesso di una resistenza
che proteggo tenendomi nascosto,
e da cui posso, infine e con coscienza,
fare i saluti abbandonando il posto.

Annunci

0 Responses to “Vi ammannisco un merdoso sonetto”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: