Nella natura

Ci siamo mossi in ritardo, in ritardo vuol dire che sono passate le due del pomeriggio, ma non ci facciamo caso per via dell’aria frizzantina che mette allegria, e il cielo trasparente come un vetro pulito. C’è un sentiero qui vicino a casa che se percorri dritto questo sentiero alla fine arrivi di fronte al Mare del Nord. Ci siamo mossi in ritardo nella giornata fredda ghiacciata, il cielo è una bottiglia azzurra e gli alberi lontani, sul fianco dei monti, sono orsi polari spellacchiati. Il sentiero che parte da Genova e arriva al Mare del Nord si chiama E-1, bisogna cominciare da una scalinata, saliamo sulla scalinata, a un certo punto del camminare, ma appena partiti, mi scoppia un timpano, si mette a fischiare, mi stringo il naso tra pollice e indice, soffio per stapparmi, penso che mi piacerebbe arrivare fino al Mare del Nord. Con questo ritmo, con questi fastidi al timpano, ci vuole cinque o sei mesi. Di questi cinque o sei mesi, la scalinata finisce dopo venti minuti, e ci ritroviamo finalmente nella natura. Ci sono delle strane rocce rosse, camminiamo circondati da queste rocce, se mi fermo e smetto di respirare posso ascoltare il rumore continuo delle macchine che corrono sotto, sull’autostrada, e con l’altro orecchio su, verso lo scollinamento del monte, ascolto il silenzio. Me ne accorgo soltanto adesso che è una cosa disgustosa dire “ascolto il silenzio”, eppure è proprio così che succede. Dopo questa pausa di trattenere il respiro per mettersi in ascolto, proseguiamo nel sentiero E-1 immersi nella natura, tra le rocce rosse, gli alberi spellacchiati, poche foglie, il cielo adesso è azzurro pallido tendente al bianco. C’è un cartello che hanno iniziato dei lavori, palafitte sul crinale, le piogge hanno provocato una frana, è tutto bagnato, ma noi andiamo avanti ancora, non so. Veramente freddo, il tempo passa. Io dico: non facciamoci cogliere dall’oscurità, che se la dici mentalmente è disgustosa anche questa frase, non facciamoci cogliere dall’oscurità, ripeto, alberi e prati fradici, un rimasuglio di neve sull’erba, nel bel mezzo della natura un pezzo di strada asfaltata, questo pezzo di strada lo misuro con i passi: è lungo circa 93 metri.

Annunci

0 Responses to “Nella natura”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...




DoveConviene

Post più letti

è quel che dico anch’io…

O. su fatti delle domande, datti del…
Tullio Greco su Il Grande Blek
musica rock su fatti delle domande, datti del…
Anonimo su editori
tito su facebook
presenziatore alle p… su facebook
consulente telefonic… su il principe di persia
tito su il principe di persia
Anonimo su il principe di persia
Anonimo su editori

Chi c'è

  • 46,325 passanti non identificati

Wikio

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: