autoritratto

queste sono le mie costole
in perpetuo dilatate
e queste le mie magre caviglie
chiuse da una tagliola invincibile
che non ha denti ma piuttosto
spatole osserva i miei piedi
intrecciarsi i polpacci gonfissimi
guarda così che la rotula sporge
il suo osso la sua livida palla
dunque premimi amore un po’
sotto le ascelle un po’ sopra
il costato e saggia il mio collo
le vene vedi questa mia testa
ingrossare il mio rosso muso
e i miei occhi disorbitati
è un attimo premi le tempie
coraggio ma premi gli zigomi
che mi scoppio il cervello così

Annunci

0 Responses to “autoritratto”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: