Un libro naturale – Manuale di divulgazione scientifica

I MUSCHI E I LICHENI

Veri outsider(s) del boschetto ideale, nati inosservati ma subito assurti, per la loro simpatia e praticità, all’olimpo di una popolarità forse inattesa ma non per questo immeritata, i muschi e i licheni sono i flic e floc della natura, i cric e croc, i pari e dispari, sono i culo e camicia, sono i due porcellini, cochi e renato, manlio e piturru, in partenza sono i tom e jerry, gli eva e diabolik, sono il dinamico duo: tex willer & billy the zagor. Essi, simili pr intensità piacevole e diagramma esistenziale, poco alla volta si sono emancipati dal loro infame ruolo tipo nano divertente e, ottenuto un notabile peso culturale con conseguente irrilevante utilità, hanno cessato di crescere liberamente sotto i presepi a natale e, improvvisamente, hanno invaso pagine e pagine nei trattati di botanica a cui, puntualmente, vi rimandiamo. Ma prima, però, vorremmo parlare ancora un poco, perché non ce la sentiamo di uscire a quest’ora di notte, perché non ce la sentiamo di tornare a casa da soli, perché fa freddo, nella storia. E vorremmo parlare, quindi, per non saper né ridere né piangere e per scaldarci le ossa, delle linee di un progetto che si sta illuminando, un progetto che sta crescendo in forma autonoma ma non priva di controllo, e che monta, monta, in velocità e spessore stratale (nel senso di una profondità non prevista), parallelamente alle parti del discorso.

Un’antica leggenda diffusasi nel bacino settentrionale del mediterraneo, infatti, narra che il regno dei muschi e licheni, popolato da gnomi infallibili ed elfi dispettosi, allietato da ninfe e fatine diverse per colore e complessione, sia destinato a occupare l’intero spazio del globo terracqueo nel momento in cui i giri di parole e i lapsus, le associazioni di idee e i carmi dei poeti oltrepasseranno il sociale livello di guardia, convenzionalmente stabilito moltiplicando un numero fisso prefissato (variabile di anno in anno e, ahimé, implacabilmente alto in questi periodi di illuminazione artificiale) per il fattore K relativo al sempre crescente numero della popolazione mondiale. Ma benché l’operazione di sorpasso, è indubitabile, presenti delle difficoltà a causa del grande aumento, della progressiva maggiorazione a cui è sottoposto quasi giornalmente il sociale livello di guardia, i vegetali in questione, parassitari, certo, eppure volitivi, non si arrenderanno mai. Essi planano alti, con le loro mire: idealisti e parallelamente illusi, scevri da colpe e consapevoli della bontà della loro missione, non hanno ancora perso ogni speranza e, prima o poi, c’è da augurarselo, otterranno la vittoria in questa dura lotta e disperata.

Annunci

0 Responses to “Un libro naturale – Manuale di divulgazione scientifica”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: