autoprotasi

mi canto e annuncio
che in ogni tempo io mi fui
gradito, che ora scendo a giudicare
il vivo, il morto, pregustando
già questo orizzonte di attese
che si scopre per me,
io sommo sostituto e protettore,
padrone delle lingue e dei concetti,
altissimo e potente e comprensivo,
la voce e il gesto, io: il mattatore.

Annunci

0 Responses to “autoprotasi”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: