l’ultimo regalo

Ieri sera, dopo una di quelle malattie brevi che non lasciano scampo, è morto uno dei miei migliori amici. Si chiamava Adriano e aveva 43 anni. L’ho visto l’ultima volta quattro giorni fa. Dalla mascherina usciva una voce flebile, ma i suoi occhi erano gli stessi di sempre: mobili, vivaci, spiritosi. Mi ha detto: non mi faccio illusioni, sono perfettamente consapevole che tra poco morirò. Eppure, anche se tra pochi giorni sarà tutto finito, anche se non credo in niente e non sono stato colpito da folgorazioni tardive, non ho per niente paura. Sono tranquillo, sereno, e so che andrà tutto bene.

Chissà perché mi ha fatto questo discorso. Se pensava davvero queste parole era un grande. Se invece era l’ultimo regalo al suo timoroso compagno di viaggio era un grandissimo.

Annunci

0 Responses to “l’ultimo regalo”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: